Consigli per rilassarsi

Ci sono dei giorni in cui ti sembra impossibile riuscire a concludere qualcosa. Concentrarsi, su qualunque tipo di attività, diventa difficile quasi impossibile. Dalle più semplici alle più elaborate, concludere le tue faccende quotidiane diventa un’impresa. Questo accade perché l’ansia e le preoccupazione intasano i tuoi processi mentali, creando una sorta di vortice tra di loro che ti impedisce di svolgere la tua giornata al meglio. Il segreto in questi casi è trovare il giusto metodo per rilassarti. 

Come ci si può rilassare?

Quando la tua testa sembra avere decisamente troppi pensieri in circolazione, il rilassamento mentale è la strada migliore da percorrere per ritrovare un pò di serenità. In questi casi, imparare a rilassare la tua mente diventa fondamentale per il tuo benessere. Fortunatamente esistono molti metodi per rilassarsi, attraverso l’esercizio puoi apprendere la strategia migliore per il tuo rilassamento mentale e avere il controllo dei tuoi pensieri. Sebbene, nella maggior parte dei casi, per rilassarsi non c’è consiglio migliore di staccare la spina, in molte situazione questo non è applicabile. 

Dovrai quindi imparare il modo di rilassarti nella quotidianità della tua giornata, senza apportare grossi cambiamenti alle tua abitudini. Un esercizio poco conosciuto nell’ambito del rilassamento prede il nome di “ristrutturazione cognitiva”. La ristrutturazione cognitiva è un approccio al problema e ti accompagna nel rilassamento mentale, cambiando i tuoi modelli di pensiero abituali, con dei pensieri più funzionali al tuo rilassamento.

In che modo funziona? Ora te lo spiego: Quando ti senti particolarmente teso e ti senti sulle spine, ti sarai sicuramente accorto come i tuoi pensieri circolino intono al motivo della tua tensione. Se stai per affrontare un esame o un colloquio, nella tua testa circoleranno per la maggior parte pensieri relativi e quell’esame o a quel colloquio. È probabile che avrai pensieri come: «E se va male, che succede?», «Forse non mi sono preparato abbastanza», «Sarà sicuramente un disastro e farò brutta figura» e via così discorrendo.

La ristrutturazione cognitiva interviene proprio qui. Prevede una “ristrutturazione” dei pensieri che stai avendo in quel momento. In tal modo tu puoi operare un lavoro di “positivizzazione” del tuo pensiero. In altre parole, quando i tuoi pensieri tensivi ti stanno attanagliando, applicherai una sorta di modifica volontaria positiva, ossia li “ristrutturi”. D’altra parte ri-strutturare significa creare una struttura nuova sopra o al posto di quella vecchia. Questo strumento è estremamente utile perché ti aiuterà a non farti trascinare nel vortice dei pensieri negativi.

Come rilassarsi quando si è in ansia

L’ansia è una forma di tensione molto elevata, può essere così forte da diventare invalidante, in quanto rappresenta un disturbo vero e proprio. L’ansia ha origini nel passato e tendenzialmente un esordio nell’adolescenza. Molto spesso, chi soffre d’ansia, ha genitori che ne soffrono o ne hanno sofferto oppure è cresciuto in una situazione dove l’ansia era molto presente. Per sconfiggere l’ansia, è necessario fare un lavoro su più piani e nella grande maggioranza dei casi è necessario consultare uno specialista.

Per questa ragione tu puoi fare molto anche da solo, per contrastare l’ansia e le sue compilazioni. Innanzi tutto, la consapevolezza è l’ingrediente fondamentale per qualsiasi cambiamento. Senza consapevolezza del problema non lo puoi affrontare. Se vuoi davvero sconfiggere l’ansia, devi prima conoscerla, comprenderla, capire i suoi segnali. Leggi anche Ansia, perchè c’è e come gestirla. Come diceva J. Krishnamurti, «Non sfuggire all’ansia, non sopprimerla, non opporle resistenza. Cerca invece di comprenderla: osservala, studiala, impara da essa ed affrontala senza esitazioni».

Cosa puoi fare tu da subito: Hai mai provato a tenere un diario della tua ansia? Probabilmente solo l’idea di tenere un diario dell’ansia ti fa ansia. Ciò significa che na hai davvero bisogno. Nella pratica, questo si traduce nello scrivere tutte le tue emozioni, i tuoi pensieri, la situazione che stai e che stavi vivendo nel momento in cui senti l’ansia sopraggiungere. Descrivi che sintomi fisici stai percependo, in quale luogo ti trovi, se c’era qualcuno o se eri solo.

Descrivi per punti o attraverso un racconto, non c’è una regola fissa. In tal modo, nel momento in cui scrivi i tuoi pensieri, li stai rielaborando. In qualche modo è come se li vedessi dall’esterno nel momento stesso in cui li stai provando, in tal modo non solo ti aiuterà a placare la forza dell’ansia ma imparerai a conoscerla e via via saprai meglio come trattarla.

Come rilassarsi prima di andare a dormire?

Agitazione ed insonnia molto spesso vanno a braccetto: sono agitato e non riesco a dormire e siccome non riesco a dormire mi agito ancora di più. Sembrerebbe un circolo vizioso da cui è difficile uscire. Cosa fare quindi? Al fine di trovare la tecnica migliore per te, te ne illustrerò quattro. Puoi applicarne una sola, più di una o anche tutte e quattro prima di andare a dormire, magari seguendo la sequenza con la quale sono qui sotto elencate:

1- Lo stretching. Se c’è una cosa che scarica i nervi, questo è sicuramente lo sport, che però viene spesso sconsigliato prima di dormire per l’eccessiva attivazione del corpo. Un pò di stretching, però, ti aiuterà a distendere la muscolatura e le articolazioni. Con la respirazione giusta può anche diventare un vero e proprio esercizio di rilassamento.

2- Un bagno rilassante. Dopo un pò di movimento, per quanto blando, farsi un bel bagno caldo o una doccia rilassante è sempre una buona idea. L’acqua calda che scorre e ti avvolge, il profumo del bagnoschiuma a magari di qualche candela profumata creerà un’ambientazione perfetta per scaricare le tensioni. Aggiungiamo un pò di luce soffusa e della buona musica e il rilassamento è assicurato. Che ne pensate? 

3- Le tisane. Note fin dall’antichità, le erbe officinali, se usate correttamente, apportano grande beneficio alla nostra salute. In commercio ne esistito per tutti i gusti ed è piuttosto facile reperirne una. Scegliere quella giusta per te, può richiedere più di una prova. Non tutte saranno di tuo gradimento e, per quanto l’infuso sia adatto per distendere i nervi, se non è di tuo gradimento, succederà che presto o tardi la abbandonerai e con essa anche i suoi benefici. Il mio suggerimento è quello di chiedere consiglio ad un erborista di fiducia, che saprà consigliarti il giusto mix per le tue esigenze.

4- Le tecniche di visualizzazione. Se non hai mai provato le tecniche di visualizzazione, questo è un buon momento per farlo. Non è una tecnica adatta a tutti, è importante avere praticità con la propria immaginazione. Ad ogni modo, la tecnica è questa: Trova una posizione comoda in una stanza con una temperatura piacevole. Fa in modo di non esser disturbato per almeno 10 o 15 minuti circa. Anche in questo caso potresti farti aiutare da un pò di musica o da un diffusore di essenze.

A questo punto, chiudi gli occhi e visualizza. Visualizza paesaggi rilassanti, praterie, cascate e prova anche a sentire il rumore di questa luoghi. Visualizza te stesso mentre ti stai rilassando esattamente nel paesaggio che stai visualizzando. Mantieni la visualizzazione per alcuni minuti e poi, quando sei pronto, visualizzati li esattamente dove sei e riapri gli occhi. 

Otto cose considerate rilassanti

Immagini di caffè, libro e fiori

Pensa ora ad un momento della tua vita in cui ti sei sentito perfettamente a tuo agio, completamente rilassato e calmo. Forse stavi facendo una delle seguenti cose:

Meditazione

Un esercizio antistress molto utile per la tua vita quotidiana è la meditazione. Anche se non sei esperto, cimentarsi nella meditazione darà comunque i suoi benefici. Siediti, chiudi gli occhi, concentrati sul respiro e non pensare a nulla. Lascia che il tuo respiro diventi calmo, svuota la mente e allontanati dai rumori dell’ambiente. Accogli il pensiero della consapevolezza di te e del momento presente. Esercitandoti tutti i giorni otterrai risultati sempre più intensi di rilassamento.

Scrivere o leggere

Essendo attività automatiche, scrivere o leggere possono risultare particolarmente rilassanti perché richiedono pochissimo sforzo. Non è importante cosa scrivete o cosa leggete, ciò che risulta importante è lasciarsi andare al testo. Potete scrivere i vostri pensieri, una poesia o qualunque cosa vi venga in mente in quel momento. Se invece vi abbandonate alla lettura, una buona idea è un libro di narrativa o qualcosa che ti permetta di evadere per un qualche momento dalla tua quotidianità. 

Fare quello che adori di più

C’è chi cucina, chi telefona o chi guarda il Tv. Ognuno di noi ha un’attività preferita, che spesso ci portiamo dietro fin da bambini. Nei momenti di forte stress, ansia o tensione, concederti il lusso di trovare del tempo per la tua attività preferita, potrebbe fare la differenza sull’esito del resto della giornata. 

Dipingere

Anche se ormai siamo adulti, trovarsi di fronte ad un foglio e dei colori, ci permetterà di evadere per qualche ora dai problemi quotidiani. Non limitare il tuo pensiero al “non so disegnare”. Non è importante che il tuo disegno sia bello, ciò che è importante è che ti permetta di passare qualche minuto di serenità e spensieratezza. Lascia che le tue tensioni vengano trasferite su un foglio o una tela. Il risultato ti sorprenderà.

Praticare sport

L’attività fisica è riconosciuta come un ottimo modo per migliorare il tono dell’umore. Uno studio ha dimostrato che fare attività fisica aumenta la felicità, la resilienza e diminuisce l’ansia. La corsa all’aperto, ad esempio, è stato dimostrato sia in grado di migliorare la struttura e la funzione del sistema nervoso. In più il fatto di esporsi alla luce del sole, mentre si corre costituisce una terapia antidepressiva, in quanto favorisce la sintesi della serotonina.  

Fare puzzle

Dei benefici del fare puzzle, ne ho già parlato nella pagina Allena la tua mente. Come abbiamo già visto, il puzzle è un toccasana per il tuo cervello ma è anche un ottimo esercizio per rilassarsi. Questo perché, richiedono molta attenzione sul compito di composizione del puzzle, nella tua mente resterà ben poco spazio per i pensieri che ti creano tensione. 

Fare artigianato

Come per il disegno, anche l’attività dell’artigianato permette di esprimere te stesso e la tua creatività. Potrebbe diventare il tuo prossimo hobby, al quale ricorrere in tutti quei momenti in cui hai bisogno di isolarti dal resto del mondo. Oltre a questo, il fatto di produrre un oggetto con le tue stesse mani porterà con sé una sensazione di grande soddisfazione personale.

Metti in ordine la casa

Si parla spesso dei benefici del riordino degli ambienti in cui viviamo. Effettivamente, pulire e riordinare può dare un’immediata sensazione di relax. Il fatto di “togliere lo sporco” e rimettere ogni cosa al suo posto, porta con sé una certa sensazione di controllo sulla situazione. In particolar modo, sono tre gli ambienti che, una volta ripuliti e riordinati ti porteranno una piacevole sensazione di benessere. La cucina, il bagno e la tua camera da letto. Sposta le cose, cambiagli il posto, elimina dei pezzi, in tal modo otterrai oltre ad un ambiente pulito e profumato, otterrai una bellissima sensazione di auto efficacia. 

di Giulia Ghiotto

Lorem ipsum dolor sit amet, at mei dolore tritani repudiandae. In his nemore temporibus consequuntur, vim ad prima vivendum consetetur. Viderer feugiat at pro, mea aperiam

L’importanza del dialogo interiore

Il dialogo interiore ha lo scopo di dirigere e ad utilizzare i pensieri in modo tale da prendere le migliori decisioni. Infatti è un ottimo modo per avere consapevolezza sui tuoi ragionamenti.